Acqua e fantasia

Acqua e fantasia

Parlando di dolci, possiamo individuare tre tipologie di persone: quelle che non li amano e che li mangiano una volta ogni tanto, quindi se sono belli pannosi e burrosi poco importa – tanto… per una volta; quelle incredibilmente golose che nei bignè ci sguazzerebbero… e lo fanno alla faccia di chi gli vuole male; e infine quelle che sono prigioniere del vorrei ma non posso, e che se riescono a evitare lo sguardo ammaliante di un goloso muffin sono più contente, perché si sa, occhio non vede cuore non duole.

La ricetta che stiamo per raccontare fa proprio al caso di quest’ultima categoria di persone, con il desiderio che possano trasformare quel vorrei ma non posso in un piacere senza sensi di colpa.
Farina e acqua, un po’ di fecola per dare sofficità, zucchero quanto basta e poi la vostra fantasia. Ingredienti semplici, nulla di stravagante per una dolce sorprendentemente buono.

Stiamo parlando delle tortine all’acqua, realizzate senza burro, senza oli, senza latte, senza uova e, per forza di cose, anche senza sensi di colpa. In tutto ciò, però, va fatta una piccola e doverosa premessa: bisogna essere onesti perché se le aspettative si allontanano troppo dalla realtà è un disastro.

 

L'acqua come ingrediente in cucinaL’acqua oltre ad essere indispensabile alla nostra vita può essere usata come ingrediente legante in moltissime preparazioni

 

Le tortine all’acqua non hanno nulla a che vedere con i dolci tradizionali; non si può negare che i “senza” all’assaggio si sentono, ma a loro difesa occorre dire che il risultato non è così terribile come potrebbe sembrare. L’errore sta tutto nelle aspettative. Prima di addentare questi dolci alternativi, anziché sperare che siano buoni come le nostre merendine preferite, è più utile augurarsi che, al contrario, non siano così pessimi come si ritiene possano essere i dolci senza nulla. Infatti, non sono davvero niente male per avere come legante solo acqua e una piccola dose di latte di cocco, anzi!

Le tortine all’acqua sono chiaramente perfette per l’inzuppo, che sia latte, caffè o te, a colazione – caldamente consigliate – o per uno snack spezza fame. Possono essere arricchite con uvetta, frutta fresca che da ulteriore morbidezza, marmellata o quello che più vi piace. Nella ricetta che abbiamo provato per voi diamo solo un piccolo spunto, ma nulla vi deve fermare dal dare libero sfogo alla vostra fantasia.

Mangiare sano e con gusto è possibile, in questo caso anche molto semplice, si mescola tutto in un’unica ciotola e il gioco è fatto. Poco da sporcare e poco da lavare. Con tutti questi senza, anche il senza fatica ci sta.

Dopo averle preparate e testate, ecco a voi la versione definitiva di quelle che a nostro parere sono le migliori tortine all’acqua in circolazione. Inconsapevolmente vegane – il che non guasta – e volutamente buonissime. Provatele!

 

Tortine all'acquaLe tortine all’acqua sono un dolce vegano, sano e nutriente da poter arricchire con qualsiasi ingrediente la nostra fantasia ci possa suggerire

 

Ingredienti per 12 tortine

200 gr di farina 00
50 gr di fecola
250 ml di acqua tiepida
150 gr di zucchero a velo
1 bustina di vanillina ( o 1 cucchiaino di estratto di vaniglia)
Mezza bustina di lievito
80 ml di latte di cocco
Uvetta sultanina q.b.
Cranberries q.b.
Burro d’arachidi e marmellata q.b.

Preriscaldate il forno a 180° e sistemate negli stampini da muffin dei pirottini di carta. In una ciotola setacciate la farina, la fecola, lo zucchero a velo, il lievito e la vanillina. In un altro contenitore unite l’acqua e il latte di cocco. Versate gli ingredienti liquidi su quelli secchi e mescolate fino ad ottenere un impasto liscio e piuttosto liquido. Versate il tutto negli stampini e arricchitene alcuni con le uvette, altri con i cranberries e altri ancora con il burro d’arachidi e marmellata. Infornate per 30 minuti. Il giorno dopo sono ancora più buoni.

 

 

Photo Credits: Dengi , Labellacuciniera

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest1Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Email this to someone

Commenti

commenti

Camilla Rostin

Camilla Rostin

Sono Camilla Rostin, studentessa presso l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo. Da Padova, dove sono nata, la mio amore per il cibo mi ha portata a Bra in Piemonte dove vivo per continuare i miei studi. Studio e scrivo di cibo da due anni e il blog labellacucineira.com mi permette di trasmettere a più persone possibili il mio entusiasmo verso ogni sfaccettatura dell’universo culinario, con l’obbiettivo nel mio piccolo di farle appassionare un po’ di più a questo incredibile mondo del cibo. In cucina mi diverto molto a scegliere e mescolare ingredienti, a sperimentare nuovi sapori e abbinamenti e a ricordare quelli della cucina di casa e del territorio a cui sono legata, sempre convinta che una cucina consapevole sia senza dubbio una cucina più buona.