Alimenti per celiaci: quanto sono sani?

Alimenti per celiaci: quanto sono sani?

Recentemente, con la forte attenzione alle problematiche alimentari dei celiaci, i supermercati italiani hanno aperto le proprie porte a prodotti pensati e realizzati per le persone intolleranti al glutine.
Il fatto di poter consumare un alimento in quanto privo di un fattore scatenante gravi patologie allergiche non indica, però, la sua salubrità… o forse sì?

Per scoprirlo, abbiamo preso un prodotto (tra i tanti) per celiaci, i Crakers Bene Sì di Coop.

 Schermate dell'appNell’immagine: l’indice Edo* sui Crackers Bene Sì senza glutine Coop

 

Ecco la lista ingredienti:

Amido di mais 41.8%, farina di riso 21.9%, margarina vegetale (grassi vegetali di palma e cocco non idrogenati, acqua, emulsionante: mono e digliceridi degli acidi grassi, sale), amido di mais modificato 10%, destrosio da mais, uova, sale, lievito di birra, addensante: gomma di guar, agenti lievitanti: carbonato acido di ammonio e carbonato acido di sodio, emulsionante: mono e digliceridi degli acidi grassi, aroma naturale.

Alcuni ingredienti, come l’amido di mais (maizena), la farina di riso o il lievito di birra, sono prodotti tradizionalmente conosciuti e generano meno problemi. Ma per quanto concerne la margarina, il destrosio, la gomma di guar?

Insomma… sai cosa mangi? Te lo dice Edo!

Margarina vegetale: quella utilizzata per la realizzazione di questi crackers è costituita, per la maggior parte, da grasso di palma e grasso di cocco. Sono due grassi estremamente ricchi di acidi grassi saturi (quello di cocco arriva fino al 90%!), proprio per questo hanno una consistenza semisolida e proprio per questa ricchezza è bene non eccedere nel loro utilizzo: ricordiamo che gli acidi grassi saturi sono causa di malattie cardiovascolari. Non abusiamone.

Amido di mais modificato: è utilizzato come addensante e stabilizzante. Per potenziare queste sue caratteristiche, l’amido può essere modificato mediante processi chimici o fisici che danno vita, per l’appunto, all’amido di mais modificato, additivo alimentare. Ma quale processo è stato utilizzato tra quelli conosciuti? Questo non ci è dato sapere..

Destrosio di mais: è lo zucchero più diffuso in natura, più comunemente conosciuto con il nome di glucosio. È consigliabile, comunque, limitare il consumo di prodotti che lo contengono: come tutti gli zuccheri può essere convertito in grasso se le dosi consumate sono eccessive!

Uova: Attenzione alle allergie! Dopotutto, se un prodotto non genera reazioni allergiche nei celiaci non significa che sia totalmente privo di allergeni!

 

CrackersI crackers sono molto usati sia come sostituti del pane che come snack salati

 

Gomma di Guar: è una farina ottenuta dai semi della pianta Guar, coltivata specialmente in Pakistan, Cina e USA. Ha la capacità di assorbire notevoli quantità d’acqua con la quale forma soluzioni particolarmente vischiose: questa caratteristica, la rende un buon agente addensante dal costo decisamente contenuto. In etichetta può essere indicato anche con la sigla E412. La dose consigliata giornaliera è di 15/20g: superare le dosi consigliate potrebbe portare a spiacevoli ed imbarazzanti disturbi intestinali (flatulenza e meteorismo) e ridurre in modo importante l’assorbimento di nutrienti da parte dell’organismo.

Aroma Naturale: gli aromi naturali si ottengono da materie prime presenti in natura. Ma non è così semplice come sembra! Facciamo un esempio. Per legge, l’aroma naturale con sapore di ananas non è detto derivi dall’ananas ma può essere composto da un mix di sostanze (ottenute da fonti naturali) che messe insieme danno il sentore di ananas. Naturale? Mah, dipende dai punti di vista!

Un alimento per celiaci, quindi, è più sano di quelli destinati al pubblico che non presenta queste patologie? Analizzando questo prodotto abbiamo scoperto che non è sicuramente una certezza: l’unica cosa che possiamo e dobbiamo fare prima di comprare qualsiasi alimento, se vogliamo davvero mangiare sano, è leggere attentamente l’etichetta controllando la lista degli ingredienti, cercando di evitare tutti quei prodotti ricchi di grassi saturi e di zuccheri.

Ricordiamo che, se oltre a sapere se è senza glutine ci interessa sapere se è sano.. la soluzione è nel nostro smartphone, Edo!

*Il punteggio è calcolato sui fabbisogni di un uomo di 26 anni

Share on Facebook156Tweet about this on TwitterShare on Google+2Pin on Pinterest0Share on LinkedIn5Share on Tumblr0Email this to someone

Commenti

commenti

Enza Gargiulo

Enza Gargiulo

Sono Maria Vincenza, per gli amici Enza, laureata in Scienze e Tecnologie Alimentari. Allergica a tutto (o quasi) quello che madre natura ha creato, amo molto stare in cucina e provare e riprovare tutte le ricette che mi vengono in mente. Inguaribile ottimista, cerco di prendere sempre il buono da ogni situazione e di restare allegra il più possibile nel corso delle giornate. E se la sera mi sento stanca, una buona compagnia e un bel bicchiere di vino mi rimettono in forze e sono sempre pronta a far festa!