Cibi che … aiutano la vista

Cibi che … aiutano la vista

Il processo visivo è uno dei più complessi e affascinanti che avvengono nel nostro corpo. Grazie agli occhi riusciamo ad osservare tutto quello che ci circonda: forme, colori, dimensioni e ad orientarci nello spazio intorno a noi. Nonostante ciò, molto spesso sottovalutiamo l’importanza di questo senso dandolo quasi per scontato.

Eppure è fondamentale prendersi cura dei nostri occhi per preservare più a lungo possibile nel tempo la nostra capacità di vedere il mondo.

Ben oltre la metà degli italiani porta occhiali da vista, moltissimi i giovani che possono subire un danneggiamento oculare maggiore con il costante utilizzo di dsipositivi a schermo (cellulari e computer), ma anche le persone adulte che inevitabilmente risentono del calo della vista dopo una certa soglia d’età.

E’ ovvio che prendersi cura dei nostri occhi diventa un’azione prioritaria, da compiere tutti i giorni. Al di là dell’uso di occhiali e lenti protettive solari, possiamo anche rivolgerci ad un altro alleato: l’alimentazione. Vediamo insieme quali sono i cibi che non possono mai mancare sulle nostre tavole per consentirci una buona visione, più a lungo possibile.

 

Spinaci: insieme a broccoli e cavoli, sono ricchi di una sostanza importantissima per la nostra vista, ovvero la luteina. Appartenente alla famiglia dei carotenoidi, la luteina è un pigmento naturale che va a collocarsi direttamente nella parte centrale della retina (detta macula) proteggendola dai danni causati dalle radiazioni luminose.

 

SpinaciGli spinaci sono un ortaggio che è viene raccolto nel periodo autunno-invernale, ma grazie alla surgelazione possiamo trovarlo in qualsiasi momento dell’anno

 

Carote: è nota la correlazione tra consumo di carote e protezione del processo visivo. Questa loro abilità è dovuta alla presenza dei carotenoidi di cui le carote sono ricche. Alcuni carotenoidi sono i precursori della vitamina A, conosciuta anche con il nome di retinolo o “la vitamina della vista”: una carenza di questa vitamina, infatti, è causa di cecità notturna e cheratinizzazione della cornea.

 

Patate dolci: caratterizzate da una polpa dal colore arancione carico e da un sapore dolciastro rispetto alle normali patate che conosciamo. La colorazione della polpa è proprio dovuta ad un’abbondanza di pigmenti carotenoidi e di vitamina A, come già detto, fondamentali per la vista.

 

Mirtilli: sono entrati a tutti gli effetti nella classifica dei superfood più noti e usati in cucina. I mirtilli devono la loro colorazione blu-violacea alla presenza di antociani, sostanze polifenoliche dall’enorme potenziale antiossidante. Grazie a questa loro capacità, a livello dell’occhio, possono proteggere le varie strutture preposte alla vista dall’attacco dei radicali liberi e delle radiazioni solari, a cui gli occhi sono costantemente esposti.

 

SalmoneIl salmone è un pesce dal sapore molto caratteristico, ricco di omega 3 e da poter usare in cucina in moltissimi modi diversi

 

Salmone: noto per la sua grande concentrazione di acidi grassi omega 3, anche chiamati grassi buoni per le loro numerose proprietà all’interno del nostro corpo. in particolare il DHA (omega 3) è coinvolto nel processo di formazione degli organi visivi durante i 9 mesi della gravidanza e nella vita da adulto contribuisce a mantenere normale la capacità visiva.

 

Vino: il vino è, insieme alla birra, la bevanda alcolica più vecchia del mondo. Con il tempo si sono scoperte le numerose azioni benefiche di questa bevanda, solo se assunta con moderazione, dovute soprattutto alla presenza di polifenoli, in particolare il resveratrolo. Recentemente è stato ipotizzato il ruolo del resveratrolo nella prevenzione delle strutture oculari, in particolare sembra che questa molecola possa bloccare la crescita incontrollata dei vasi sanguigni nell’occhio che ha subito danneggiamenti.

 

 

Photo Credits: Instamamme , Ilfattoalimentare

Share on Facebook0Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Email this to someone

Commenti

commenti

Enza Gargiulo

Enza Gargiulo

Sono Maria Vincenza, per gli amici Enza, laureata in Scienze e Tecnologie Alimentari. Allergica a tutto (o quasi) quello che madre natura ha creato, amo molto stare in cucina e provare e riprovare tutte le ricette che mi vengono in mente. Inguaribile ottimista, cerco di prendere sempre il buono da ogni situazione e di restare allegra il più possibile nel corso delle giornate. E se la sera mi sento stanca, una buona compagnia e un bel bicchiere di vino mi rimettono in forze e sono sempre pronta a far festa!