Cibi che … non è necessario conservare in frigo

Cibi che … non è necessario conservare in frigo

Senza frigorifero faremmo fatica a conservare moltissimi alimenti che si deteriorano in fretta. Nel 1913 questo elettrodomestico fece il suo ingresso nelle case private e da allora casalinghe di tutto il mondo sene sono perdutamente innamorate.

Il frigo è diventato talmente di uso comune che oggi lo si da quasi per scontato e nessuno può mai immaginare di vivere senza. Frutta, verdura, latte, piatti già pronti non avrebbero vita lunga senza i circa 4°C che possono trovare all’interno dell’amato elettrodomestico.

Ma la mania di conservare tutto al fresco alle volte può risultare esagerata e ingiustificata. Esistono, infatti, alcuni cibi che vivono bene, in certi casi anche meglio, se tenuti lontani dal frigorifero. Quali sono? Scopriamoli insieme.

 

Cipolle: mettendo le cipolle nel frigo, purtroppo non ne allungheremo la vita. Anzi, se restano al fresco per troppo tempo saranno vittima dell’umidità e si ammorbidiranno. Al massimo si può conservare la cipolla già affettata in figo, meglio se all’interno di un contenitore chiuso così da preservarla meglio ed evitare che tutto il frigorifero odori di cipolla.

 

CipolleLe cipolle, con il loro odore caratteristico rischiano di “profumare” tutti i cibi che abbiamo conservato nel nostro frigorifero

 

Aglio: anche l’aglio si conserva molto meglio lontano dal frigo. Al fresco, infatti, l’aglio diventa molle e gommoso. Immangiabile. Meglio riporre gli spicchi o le teste in un sacchetto di carta ben chiuso in modo da evitare che si producano i germogli troppo in fretta.

 

Banane: si possono conservare in frigo oppure no a seconda di quello che si desidera. La conservazione in frigo delle banane ne rallenta la maturazione. Per cui se abbiamo delle banane già belle gialle possiamo porle in frigo per farle durare qualche giorno in più. Se sono ancora verdognole meglio lasciarle fuori così che maturino più velocemente.

 

Miele: essendo una soluzione sovrasatura di zucchero si conserva benissimo da solo senza bisogno delle basse temperature. Anzi riporlo in frigo potrebbe determinare la cristallizzazione del glucosio in esso contenuto portando ad una modifica nella consistenza del miele stesso, non più liquido ma denso e granuloso.

 

Caffè in polvereIl caffè in polvere si comporta come ottimo cattura-odori

 

Caffè: quante volte abbiamo sentito dire di riporre il caffè in frigo per preservarne l’aroma. Sarà anche un prezioso consiglio della nonna, ma il fatto che il caffè sia in polvere lo rende un abile cattura odori. Facilmente riesce ad assorbire gli odori presenti nel frigo e potreste ritrovarvi a bere un caffè che sa di formaggio. Meglio tenerlo in dispensa chiuso in un apposito contenitore ermetico.

 

Pane: mettere il pane in frigorifero non è esttamente una buona idea. Il fresco accelera il processo di degradazione dell’amido, alterandone la consistenza e il sapore. Meglio conservare il pane a temperatura ambiente avvolto in un sacchetto di carta o plastica e consumarlo entro qualche giorno.

 

 

Photo Credits: Salutejournal , Viviromagna

Share on Facebook7Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Email this to someone

Commenti

commenti

Enza Gargiulo

Enza Gargiulo

Sono Maria Vincenza, per gli amici Enza, laureata in Scienze e Tecnologie Alimentari. Allergica a tutto (o quasi) quello che madre natura ha creato, amo molto stare in cucina e provare e riprovare tutte le ricette che mi vengono in mente. Inguaribile ottimista, cerco di prendere sempre il buono da ogni situazione e di restare allegra il più possibile nel corso delle giornate. E se la sera mi sento stanca, una buona compagnia e un bel bicchiere di vino mi rimettono in forze e sono sempre pronta a far festa!