Cibi che … sono orrori da gustare

Cibi che … sono orrori da gustare

Noti programmi televisivi e chef di grande fama ci hanno abituato a scoprire i segreti più reconditi del mondo culinario. Ma siamo sicuri di conoscere proprio tutto?

C’è una zona oscura, ancora poco esplorata e conosciuta, in cui si possono condensare tutti quei cibi che, sopratutto per noi occidentali, possono essere considerati dei veri orrori. A volte è meglio non sapere, ma un pizzico di curiosità non guasta mai.

Chissà se la penserete ancora così alla fine dell’articolo …

 

Tarantole fritte: in Cambogia è uno dei piatti che va per la maggiore. Le tarantole le ricordate? Quegli enormi ragni neri, pelosi e velenosi? Ecco, pensate di friggerli e gustarli a partire dalle zampette … brrrrr.

 

Le tarantole fritteLe tarantole fritte

 

Uova di gallina fecondate: questo farà rizzare i peli anche ai più coraggiosi. Nelle Filippine e in altre parti dell’Asia, è usanza servire il balut un uovo di anatra o gallina bollito quando l’embrione all’interno e quasi formato. Viene considerato un alimento fortemente afrodisiaco … ma permettetemi di nutrire seri dubbi a riguardo!

 

Insetti vari: sono molti i paesi asiatici in cui si consumano tradizionalmente insetti. Cavallette, bachi da seta, vermi sia fritti che stufati o grigliati sono il cibo preferito di molti. De gustibus non disputandum est. Ma non cantate vittoria troppo in fretta: potrebbero diventare il nostro cibo del futuro.

 

Tong zi dan: “urina di ragazzo vergine”…  il nome non promette nulla di buono. Infatti questo piatto deriva dagli ancestrali riti di fertilità di cui le cultire di ogni parte del mondo abbondano. In questo caso, in Cina, ogni anno si da il benvenuto alla primavera preparando queste uova bollite nell’urina di ragazzi in età puberale. Chissà se prima di mangiarle dicono “buon appetito”?!?

 

HaggisDirettamente dalla Scozia, l’Haggis

 

Haggis: dalla vicina Scozia arriva un budino salato preparato a partire da frattaglie e condito con cipolla, farina d’avena e spezie … conservato chiuso nello stomaco di pecora. Che bontà!

 

Hakarl: tipico piatto islandese, è composto da carne di squalo che viene seppellito per qualche mese e lasciato fermentare nei suoi stessi fluidi corporei. Successivamente viene tagliato a pezzi e appeso a seccare.

Share on Facebook6Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Email this to someone

Commenti

commenti

Enza Gargiulo

Enza Gargiulo

Sono Maria Vincenza, per gli amici Enza, laureata in Scienze e Tecnologie Alimentari. Allergica a tutto (o quasi) quello che madre natura ha creato, amo molto stare in cucina e provare e riprovare tutte le ricette che mi vengono in mente. Inguaribile ottimista, cerco di prendere sempre il buono da ogni situazione e di restare allegra il più possibile nel corso delle giornate. E se la sera mi sento stanca, una buona compagnia e un bel bicchiere di vino mi rimettono in forze e sono sempre pronta a far festa!