Colazione: sai cosa mangi?

Colazione: sai cosa mangi?

La colazione è un pasto generalmente molto amato. Forse per la grandissima varietà di possibili prodotti che si possono consumare durante questo pasto, tanti da accontentare proprio tutti, oppure perchè senza la giusta colazione proprio non ce la facciamo a svegliarci, o ancora perchè concedersi qualche minuto di relax con la propria colazione preferita è fondamentale per lanciarsi, poi, a capofitto negli impegni della giornata.

Qualunque sia la vostra motivazione è bene che sappiate che è giusto e consigliato iniziare la giornata con una buona colazione ma che non tutte le colazioni sono uguali.

Già da questo primo pasto possono celarsi insidie per la dieta e per la salute. Il più delle volte non ce ne rendiamo conto ma un eccesso di zuccheri e grassi (per la colazione dolce) o di sale e grassi (se invece preferiamo quella salata) sono i rischi che maggiormente si corrono quando si prepara una colazione.

Oggi analizziamo un abbinamento di prodotti, in particolare del latte vegetale e dei biscotti, per scoprire se può essere considerata una colazione equilibrata oppure no. Tenendo presente che la quantità massima di calorie consigliate dagli esperti per una colazione ottimale è pari a 300-350 kcal, lanciamoci nella nostra analisi!

 

Colazione: latte vegetale e biscotti

 

Oggi proveremo il latte vegetale “Soya original Alpro” e i biscotti biologici “Saraceno miele Sarchio“.

Per prima cosa analizziamo i biscotti, il cui punteggio è di 6,4 (*).

 

Biscotti al grano saraceno

 

Questi gli ingredienti:

 

Farina di grano saraceno (40,6%), sciroppo di riso, zucchero di canna, uova, olio di semi di girasole non idrogenato (7%), amido di mais, farina di riso, addensanti: farina di semi di carruba, succo di limone, estratto di vaniglia, miele millefiori (0,4%).

 

Edo app ci dice che questi biscotti contengono olio di girasole non idrogenato, molte calorie (132,9 per 30 g) ma anche molti zuccheri. Nonostante questa ultima indicazione, rispetto ai carboidrati presenti, gli zuccheri sono in percentuale molto minore (abbiamo infatti 72,3 g di carboidrati e 16,5 g di zuccheri) questo vuol dire che la maggior parte dei carboidrati sono di tipo complesso, come viene consigliato dagli esperti. Inoltre contiene fibre e acidi grassi polinsaturi.

Per farci un’idea come sempre del fabbisogno di saturi e zuccheri coperto, “diamo i numeri”: i nostri biscotti coprono per l’8,3% la quantità di zuccheri richiesti giornalmente dal nostro corpo e il 2,6% per quanto riguarda la quantità di saturi. Queste percentuali sono riferite ad una porzione di biscotti di 30 g e non sono per nulla male.

L’importante è tenere presente che il prodotto è comunque ricco di zuccheri e basta poco per far aumentare la percentuale di fabbisogno coperto: atteniamoci ai 30 g senza pescare continuamente dalla confezione!

 

Latte di soia

 

 

Ora veniamo alla bevanda vegetale, che ha un indice Edo pari a 7,2 (*) e i cui ingredienti sono:

 

Acqua, semi di soia decorticati (5,9%), zucchero, fosfato tricalcico, regolatore di acidità (fosfato monopotassico), sale marino, aroma, stabilizzante (gomma di gellano), vitamine (riboflavina (B2), B12, D2).

 

In questo prodotto vi è dello zucchero aggiunto ma, almeno, nella lista segue l’ingrediente principale, ovvero i semi di soia decorticati. La seconda schermata dell’app ci dice che il prodotto ha poche calorie (97,5 kcal per 250 ml di porzione) e pochi saturi (0,75g per 250 ml). L’altra pecca, oltre allo zucchero aggiunto, è la presenza di aromi.

Il prodotto è poi arricchito con l’aggiunta di alcune vitamine, in particolare la B12 e la D, a maggior rischio di carenza in una dieta che sia priva di ogni derivato animale.

Considerando il nostro solito riferimento al fabbisogno, la porzione consigliata di 250 ml copre il 10,4% della quantità totale di zuccheri quotidiana e il 3,4% di quella dei saturi.

Com’è andata con questo abbinamento? Scopriamolo subito. Il totale apporto calorico è di 230,4 kcal. Siamo perfettamente nel range di 300-350 kcal indicate per la prima colazione. Fin qui bene!

La copertura del fabbisogno totale di zuccheri è di 18,74% e soltanto il 6% per i saturi. Per i saturi ci siamo, per gli zuccheri potremmo ancora fare qualcosa ma come considerazione finale, possiamo aggiungere che se proprio dobbiamo introdurre zuccheri durante la giornata, il momento migliore è proprio la mattina, così abbiamo il tempo per smaltirli adeguatamente durante la giornata. Quindi, in definitiva, un 19% può anche risultare accettabile.

In ogni caso è fondamentale ricordarsi sempre di preferire i carboidrati complessi che sono a lento rilascio di energia, ci fanno sentire sazi più a lungo e ci sorreggono meglio nelle attività della mattina.

 

 

(*) punteggio calcolato sul fabbisogno di un uomo di 26 anni

Photo Credits: Coach.ninemsn , La.repubblica , Ecoo

Share on Facebook5Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Email this to someone

Commenti

commenti

Edo

Edo

Edo è la prima app che ti dice esattamente cosa stai mangiando e ti guida verso una scelta alimentare sana e consapevole!