Il tempo delle … zucche!

Il tempo delle … zucche!

Ebbene si, siamo in quel periodo dell’anno in cui la tavola si tinge di arancione e una nota di dolcezza in più arriva nei nostri piatti: l’avanzata delle zucche è iniziata e per scappare è ormai troppo tardi, ma non temete, non dobbiamo affatto temere quest’ortaggio che per tutto l’autunno e l’inverno ci terrà compagnia in cucina. Prima di capire però perchè la zucca non può farci altro che bene, scopriamone un pò di più a proposito.

 

Un pò di storia …

 

La zucca è una specie vegetale molto antica, già coltivata da popoli come Egizi, Etruschi e Romani, anche non solo a scopo alimentare, ma ad esempio per costruire utensili da cucina come avveniva nell’antica Roma.

Tuttavia, in Europa la zucca che conosciamo oggi è giunta solo dopo la scoperta delle Americhe. Infatti, mentre gli antichi conoscevano bene altre varietà di zucca, come la “Zucca del pellegrino” originaria delle zone calde dell’Asia e dell’Africa, l’avvento delle zucche americane arricchì il panorama europeo ed alcune varietà a polpa gialla del Nuovo continente ebbero il sopravvento.

Poco apprezzata all’inizio, destinata al consumo dei ceti sociali meno abbienti non ci mise molto ad entrare nelle tavole delle classi più nobili. Di moltissime varietà, con forme e dimensioni diverse, la zucca ha invaso il nostro panorama gastronomico, soprattutto stagionale.

 

La zucca è il simbolo vero e proprio dell'autunnoLe zucche, insieme alle castagne, sono i simboli per eccellenza del periodo autunnale

 

È interessante notare infatti come sia uno fra i pochi ortaggi veramente rappresentativi di una stagione: zucca è da sempre sinonimo di autunno e a giugno, anche volendo, ahinoi, non la possiamo mangiare.

Quindi, non scappate, le zucche sono tornate, e con loro anche tutti i benefici che il nostro organismo può trarne.

Primo fra tutti, è deliziosa. La dolcezza della sua polpa è gradita a moltissimi palati, anche quelli più delicati. Nonostante il sapore zuccherino spiccato, contrariamente a ciò che si potrebbe pensare la zucca è povera, anzi poverissima, di calorie: appena 18 kcal per 100 g. Pertanto, anche se siamo in conflitto con l’ago della bilancia, non dovremmo rinunciare a gustare questo ortaggio: mangiare qualcosa che ci piace ci fa sentire subito meglio!

Inoltre, la zucca è una buona fonte di fibre che aumentano il nostro senso di sazietà e aiutano a ripristinare la motilità anche degli intestini più pigri. I grassi sono pressochè assenti, come anche le proteine, ma in compneso ci sono i numerosissimi minerali e vitamine, come il potassio, alleato preziosissimo per diuresi, il fosforo che aiuta il corretto funzionamento del metabolismo, il calcio che oltre a fare bene alla struttura delle ossa agisce anche come regolatore della fame, e la vitamina A.

 

Insomma, chi più zucche ha più ne metta, possono solo far bene

 

E di ricette in cui mettere la zucca ce ne sono a bizzeffe, sia salate che dolci, rimarrete sorpresi dalla sua incredibile versatilità.

Cotta al vapore, al forno, grigliata, frullata e vellutata, protagonista di impasti e ripieni saprà sorprendervi. E se è di virtuosismi culinari che vogliamo parlare questo è di sicuro l’ingrediente migliore.

Noi Italiani siamo spesso un po’ restii a immaginarci una verdura nei dolci, a differenza invece dei nostri amici americani che la zucca nei dolci la usano quanto noi nel salato, basti pensare alla famosa Pumking Pie e tutta la vasta gamma di dolci aromatizzati con il mix di spezie chiamato per l’appunto Pumking Spice, ispirato alla suddetta torta diventata famosissima.

E in vista di Halloween allora ecco una ricetta a tema un pò pazza che potrà stupire i vostri convitati, portando un po’ di innovazione ed allegria ad una ricetta tradizionale: brownies vegani di zucca. Avete capito bene. Vediamo quali sono gli ingredienti per questo dolcetto da paura.

 

Brownies vegani alla zuccaLa nostra ricetta: brownies vegani alla zucca, ottimi per una festa di Halloween da paura!

 

Ingredienti

300 gr di Zucca cotta al vapore 250 gr di Anacardi
200 gr di Farina d’Avena
70 gr di Zucchero di canna Cioccolato Fondente

 

Mix di spezie: noce moscata, cannella, zenzero Mettete a bagno per 4 ore gli anacardi e cuocete a vapore la zucca. Frullate gli anacardi fino a che non avrete ottenuto una crema densa (che assomiglia al burro d’arachidi). Frullate la zucca con lo zucchero e le spezie, e unitevi la purea ottenuta con la crema di anacardi. Aggiungete la farina d’avena mescolando con un mestolo di legno. Le dosi di farina indicate dovrebbero essere sufficienti per ottenere un impasto poco piu` solido di una pasta frolla, in caso il composto risultasse troppo mollo aggiungete farina. Sistemate l’impasto in una teglia rettangolare ricoperta di carta forno stendendolo uniformemente nella teglia schiacciandolo con le mani, e lasciate raffreddare in freezer, in modo tale che assuma una consistenza che vi permetta di ricavare le forme desiderate. Dopo aver ritagliato delle paurosissime bare…decoratele con il cioccolato che avrete sciolto a bagnomaria. Fatele riposare in frigo per un’oretta prima di servirle.

Share on Facebook13Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn0Share on Tumblr0Email this to someone

Commenti

commenti

Camilla Rostin

Camilla Rostin

Sono Camilla Rostin, studentessa presso l’Università di Scienze Gastronomiche di Pollenzo. Da Padova, dove sono nata, la mio amore per il cibo mi ha portata a Bra in Piemonte dove vivo per continuare i miei studi. Studio e scrivo di cibo da due anni e il blog labellacucineira.com mi permette di trasmettere a più persone possibili il mio entusiasmo verso ogni sfaccettatura dell’universo culinario, con l’obbiettivo nel mio piccolo di farle appassionare un po’ di più a questo incredibile mondo del cibo. In cucina mi diverto molto a scegliere e mescolare ingredienti, a sperimentare nuovi sapori e abbinamenti e a ricordare quelli della cucina di casa e del territorio a cui sono legata, sempre convinta che una cucina consapevole sia senza dubbio una cucina più buona.