Mangiare insetti: il comfort food di domani?

Mangiare insetti: il comfort food di domani?

Gli insetti: c’è chi li ama e chi, a prescindere dalla buona volontà, non riesce a fare a meno di detestarli. Sarà qualcosa nel loro aspetto così strano, o soltanto un’atavica ed incontrollabile associazione mentale a tutto ciò che è sporco e che è meglio non toccare. O, forse, sarà a causa del loro abitare il sottosuolo o della loro straordinaria abilità nel nascondersi negli angoli più remoti delle nostre case, quelli, magari, dimenticati dalla fretta e dall’aspirapolvere.. Saranno un’enormità di fattori, ma gli insetti esulano dalla comfort zone (o dal concetto comune e condiviso di comfort food!) di noi abitanti del Vecchio Continente. Cibarsene, poi? Ecco che arrivano i primi violenti brividi lungo la schiena e quello strano tremore che ci fa immediatamente comprendere che no, non siamo a nostro agio con questa “idea”.

Eppure l’80% della popolazione umana mangia insetti abitualmente (e non perché non abbiano la possibilità di procurarsi altro cibo, quanto perché li trovano semplicemente deliziosi!), e celeberrimi chef nostrani li ha resi protagonisti delle proprie “opere d’arte” (anche il re dei Masterchef, Carlo Cracco, ha reso loro omaggio.. per Wired, qualche anno fa – clicca qui per l’articolo). Proprio Cracco, alla domanda “qual è il modo migliore per superare il tabù culturale del mangiare insetti?” sostiene che sia solamente una questione di tempo: ed ha proprio ragione.

Il continuo aumento della popolazione mondiale, i problemi ambientali legati all’emissione di gas serra o alla forte riduzione degli spazi da destinare all’agricoltura e all’allevamento: ecco che si accendono i riflettori sul problema della creazione di una vera e propria alimentazione sostenibile. E se mangiare insetti non rappresenta per noi europei l’apice del concetto di “cucina gourmet”, per la salute del nostro pianeta (ma anche nostra), modificare il nostro regime alimentare potrebbe risultare necessario.
 

Allevamento di bestiame vs Allevamento d’insetti: quale conviene di più?

 

L’allevamento di bestiame è una pratica molto costosa per chi la realizza e, tendenzialmente, poco sostenibile per il nostro pianeta. Ecco un breve elenco di fatti che vi porteranno a riconsiderare la necessità di allevare (e mangiare) insetti:
 
• Il 21% dell’anidride carbonica sul nostro pianeta è legata alle emissioni intestinali degli animali, cui vanno aggiunti i grandi costi in termini di acqua (secondo una stima, un hamburger di 150g consuma, lungo la sua filiera produttiva, 2400 litri d’acqua!). Gli insetti non creano, invece, questo tipo di problemi per l’ambiente.

• Efficienza nella conversione dell’elemento nutriente in alimento finito? Secondo focus.it, ai grilli occorrono 2 kg di cibo per produrre 1 kg di carne e sono commestibili all’80%. Ai bovini, invece, servono 8 kg di cibo per produrre la medesima quantità di carne e sono commestibili al 40%. A voi le somme!

• I grandi spazi dedicati all’allevamento di animali, che occorre costantemente potenziare, potrebbero essere riconvertiti e utilizzati per l’attività agricola. L’allevamento d’insetti, invece, razionalizzerebbe gli spazi a disposizione, rendendoli addirittura più produttivi.

La nostra Terra sta diventando sempre più povera e lo sforzo che le chiediamo per portare avanti le nostre pratiche alimentari, decisamente proibitivo. Mangiare insetti (ed allevarli) potrebbe rappresentare una valida soluzione (per quanto, poco psicologicamente confortevole!).
 

Aiuto per l’economia

 

In alcune località rurali, l’allevamento di insetti gioverebbe all’intera economia, dando la possibilità a comunità meno avanzate di istituire un proprio sistema di allevamento e commercializzazione, impiegando risorse ed iniziando a trarre profitti.

 

Gli insetti.. fanno bene al nostro organismo!

 
Contengono vitamine, proteine, grassi, fibre e minerali in quantità comparabile a quella di carne e pesce. Inoltre alcuni di loro sono indicati per combattere determinate patologie: un esempio? Mangiare locuste – o i bruchi dell’albero mopane! – aiuta a combattere l’anemia: contengono infatti una media di 31mg/100g di Ferro, la carne soltanto 6 mg/100g!

 

Lo sai che già li mangi?

 

mangiare insetti con pizzaMa lo sai che già li mangi? 

 
Piccoli frammenti d’insetti entrano nei cibi lavorati industrialmente: ecco che ali, zampette o minuscole parti dei loro corpi, possono finire, ad esempio, in farine, marmellate o birre, tutti prodotti che utilizziamo normalmente. Negli Stati Uniti esistono leggi create ad hoc per definire un limite di contaminazione da insetti all’interno degli alimenti prodotti industriali (non più di 50 frammenti per 50 grammi – per ulteriori info, è possibile consultare la FDA’s Defect Levels Handbook). In Italia, invece, non esiste ancora una legislazione specifica in materia di contaminazione da insetti.

 

Mangiare insetti, inserendoli, quindi, nella nostra alimentazione, potrebbe risultare un elemento estremamente positivo per la nostra salute e per il nostro pianeta. Ci assicurano, inoltre, che il loro sapore è sicuramente migliore di quanto siamo portati a pensare (Yummly ci dice, ad esempio che le tarantole ricordano il sapore di gamberi fritti, gli scorpioni, invece, il pesce).

Occorre soltanto superare qualche “minuscola” reticenza psicologica… (e questa sarà la gara davvero dura!).

 

Fonti: Focus.it ; IFLScience ; Yummly ; FDA’s Defect Levels Handbook

Share on Facebook54Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn5Share on Tumblr0Email this to someone

Commenti

commenti

Enza Gargiulo

Enza Gargiulo

Sono Maria Vincenza, per gli amici Enza, laureata in Scienze e Tecnologie Alimentari. Allergica a tutto (o quasi) quello che madre natura ha creato, amo molto stare in cucina e provare e riprovare tutte le ricette che mi vengono in mente. Inguaribile ottimista, cerco di prendere sempre il buono da ogni situazione e di restare allegra il più possibile nel corso delle giornate. E se la sera mi sento stanca, una buona compagnia e un bel bicchiere di vino mi rimettono in forze e sono sempre pronta a far festa!