Mozzarella: otto curiosità che – forse – non sapevi

Mozzarella: otto curiosità che – forse – non sapevi

La mozzarella: di bufala o di latte vaccino, mista o affumicata. A prescindere dal modo in cui vi piace gustarla, rimane uno dei prodotti italiani più utilizzati e maggiormente conosciuti al mondo, vero e proprio simbolo del Made in Italy gastronomico.
 
Sicuri però di conoscerla davvero? Ecco otto curiosità che – forse – non conoscete su questo gustoso alimento..

 

mozzarellaDove può essere prodotta la vera mozzarella di Bufala? In alcune zone di Campania, Lazio, Puglia e Molise.

 

Conosci la mozzarella?

 
1. Perchè “mozzarella”? Prende il nome dalla “mozzatura”, il momento in cui i casari tagliano la pasta filata ottenuta dalla cagliata per conferire al prodotto finito una delle sue forme caratteristiche (sferica, a treccia o piccoli bocconcini).
 
2. Mozzarella o fior di latte? Con il termine di “mozzarella” si intende generalmente quella prodotta con il latte di bufala. Il prodotto derivante da latte vaccino, invece, prende il nome di “fior latte”.
 
3. In principio la mozzarella era prodotta a partire dal solo latte di bufala (non da quello vaccino!). È il prodotto che garantisce la resa maggiore: con un quintale di latte di bufala, infatti, si ottengono 24kg di mozzarella, contro i 13 ottenibili con la stessa quantità di quello vaccino.
 
4. Come nacque la mozzarella di Bufala? Secondo molti ebbe origine nel Medioevo quando, nella pianura napoletana, le bufale presenti producevano un latte che raggiungeva i luoghi di lavorazione inacidito (le modalità di trasporto erano decisamente lente). Lasciava, però, una cagliata perfetta per essere filata: è risaputo, le cose migliori derivano sempre da “incidenti di percorso”!
 
5. Nel 1996, la mozzarella di Bufala è stata iscritta nell’albo dei prodotti a marchio D.O.P. (denominazione di origine protetta). Questo marchio protegge la qualità del prodotto finito: non è possibile, infatti, produrre vera mozzarella di bufala al di fuori di particolari regioni d’Italia e senza ingredienti provenienti da specifiche aree.
 

mozzarellaDal 1996 la mozzarella di Bufala è diventata prodotto a marchio D.O.P.

 
6. Secondo una ricerca pubblicata da Nature e ripresa qualche tempo fa da Focus, la mozzarella come formaggio – o meglio, la sua più lontana parente – venne prodotta per la prima volta più di 7500 anni fa. L’uomo del paleolitico avrebbe sviluppato una tecnologia talmente evoluta da permettergli di separare la parte grassa del latte, trasformandola in formaggio.
 
7. Come conservare la mozzarella? Occorre conservarla in frigorifero, immersa nel proprio siero. Non va congelata: lo sbalzo di temperatura, infatti, incide negativamente sulle sue caratteristiche organolettiche. Se volete mantenere il suo sapore e la sua consistenza, quindi, evitate il freezer!
 
8. La mozzarella è.. light? Non proprio: il suo contenuto in grassi e proteine non si differenzia da quello degli altri formaggi. E’ costituita, infatti, per il 40% da grassi e proteine.

 

PhotoCredits: Bufalapiù ; EatMilano ; Mozzarelladibufala

Fonti: Mozzarelladop ; Focus ; Expo

Share on Facebook54Tweet about this on TwitterShare on Google+0Pin on Pinterest0Share on LinkedIn4Share on Tumblr0Email this to someone

Commenti

commenti

Enza Gargiulo

Enza Gargiulo

Sono Maria Vincenza, per gli amici Enza, laureata in Scienze e Tecnologie Alimentari. Allergica a tutto (o quasi) quello che madre natura ha creato, amo molto stare in cucina e provare e riprovare tutte le ricette che mi vengono in mente. Inguaribile ottimista, cerco di prendere sempre il buono da ogni situazione e di restare allegra il più possibile nel corso delle giornate. E se la sera mi sento stanca, una buona compagnia e un bel bicchiere di vino mi rimettono in forze e sono sempre pronta a far festa!