Jessica Stolfi Posts

Obesità infantile: cos'è e come affrontarla?

Obesità infantile: cos'è e come affrontarla?

L’obesità infantile è l’effetto di diverse cause, più o meno evidenti, che interagiscono tra loro: una scorretta alimentazione, legata o meno ad una ridotta attività fisica, fattori di tipo genetico/familiare e fattori psicologico-emotivi. E’ proprio su questi ultimi che vorrei porre la mia attenzione quest’oggi.
 
Molti genitori chiedono come fare per evitare che il figlio mangi più del dovuto e che ingrassi a vista d’occhio, ma la sola cosa che sanno osservare, con passività e frustrazione, è: “sta tutto il giorno sul divano a guardare la tv e a mangiare schifezze”! In realtà il loro ruolo è fondamentale, soprattutto nel collegare la richiesta di cibo del bambino ad eventi o situazioni che possono avergli creato disagio, ma anche nel notare quali sono le loro emozioni mentre il bambino implora di voler mangiare.
 

L'apprendere a nutrirsi

L'apprendere a nutrirsi

Per quanto ne sappiamo, le prime percezioni di un neonato sono mediate dalla bocca e dalla pelle: egli reagisce allo sfioramento delle labbra con movimenti di ricerca e di suzione, fenomeno che ben conoscono le mamme. Questo comportamento funziona anche in condizioni di stress, con lo scopo di garantire la sopravvivenza della specie e di alleviare la tensione.

Quando i muscoli diventano un’ossessione: la bigoressia

Quando i muscoli diventano un’ossessione: la bigoressia

L’attenzione per il proprio corpo e l’apparire al meglio sotto il punto di vista fisico sono, sempre più, motivo di interesse per adolescenti e giovani adulti che si trovano a confrontarsi con una società che li vuole belli, magri e dalla fisicità atletica e performante.

L'anoressia vista da dentro

L'anoressia vista da dentro

Abbiamo già parlato di anoressia mentale e di come, questo disturbo del comportamento alimentare, abbia una profonda componente psicologica inquadrabile nell’ottica sistemica familiare.
Immaginiamo ora di essere una ragazza, giovane e di bell’aspetto, brava e diligente a scuola, sempre molto ubbidiente e rispettosa delle regole insegnate dai familiari, con un forte senso del dovere e una spiccata tendenza al perfezionismo.

Bambini: rifiuto del cibo

Bambini: rifiuto del cibo

Continuiamo la nostra esplorazione nelle dinamiche che coinvolgono l’alimentazione infantile: oggi parleremo del rifiuto di mangiare da parte dei bambini e dei significati psicologici che può assumere all’interno del sistema familiare.