Cibi che … contengono più vitamina C

Cibi che … contengono più vitamina C

La vitamina C è un composto altamente antiossidante indispensabile per mantenere in salute il corpo. L’azione antiossidante, come ben sappiamo, si esplica nei confronti dei radicali liberi, capaci di danneggiare le strutture cellulari, compreso il DNA, portando all’invecchiamento e alla distruzione delle cellule.

La sua carenza era molto diffusa nei marinai del 1500-1600 e prendeva il nome di scorbuto. A causa dei lunghi viaggi in mare senza poter cibarsi di frutta e verdura fresche, i tessuti, le ossa e i denti di queste persone si indebolivano a tal punto da causarne la perdita o, addirittura, quando la carenza di vitamina raggiungeva livelli elevati si verificava la morte dell’individuo.

La vitamina C è fondamentale per la formazione del collagene, che tiene insieme le varie strutture cellulari; inoltre partecipa alle reazioni di ossido-riduzione che permettono al corpo di eliminare i radicali liberi e i prodotti dello stress ossidativo.

L’assunzione giornaliera raccomandata è pari a 105 mg/die per l’uomo e 85 mg/die per la donna. Un’avvertimento: la vitamina C è una sostanza idrosolubile, quindi si scioglie in acqua e non viene accumulata nel corpo. Assumerne in quantità esorbitanti una volta ogni tanto non è sufficiente: il copro trattiene quello di cui ha bisogno, eliminando il resto.

Ecco i cibi che sono particolarmente ricchi di vitamina C che, quotidianamente, dovrebbero essere presenti sulle nostre tavole.

 

Peperoncino: il peperoncino ha molte proprietà ed è uno degli alimenti che contiene più vitamina C in assoluto: fino a 243 mg ogni 100 g di prodotto. Ben oltre il fabbisogno quotidiano. Ma dato che la vitamina C non si accumula, possiamo evitare di mangiare 100 g di peperoncini tutti in una volta!

 

Peperoncino Il peperoncino è noto per la sua piccantezza, che varia a seconda della specie e si misura su una scala particolare della Scala Scoville

 

Kiwi: bacca dalle origini cinesi, caratteristica per la sua polpa verde e succosa. È uno dei frutti con maggior contenuto di vitamina C che può arrivare fino a 165 mg per 100 g di kiwi.

 

Agrumi: a differenza di quanto si dice in giro, gli agrumi contengono vitamina C ma non sono in cima alla classifica. Il contenuto è variabile da 37 a 54 mg ogni 100 g di frutto.

 

Prezzemolo: fa parte del gruppo delle erbe aromatiche ed è usatissimo per insaporire le pietanze nelle cucine di tutti. Il suo contenuto di vitamina C è considerevole: 133 mg per ogni 100 g.

 

RucolaLa rucola è una pianta erbacea originaria del bacino del Mediterraneo

 

Rughetta: meglio conosciuta come rucola, è una pianta erbacea molto amata. Di solito si consuma sotto forma di insalata oppure per insaporire diverse pietanze di carne. Ha un sapore caratteristico, leggermente piccantino e il suo contenuto di vitamina C è di 110 mg per 100 g.

 

Papaya: frutto tropicale dalla polpa di un colore arancione intenso che può arrivare a pesare anche 10 kg. Oltre al suo buon contenuto in acqua, vitamine, sali minerali e fibre, contiene circa 62 mg di vitamina C per 100 g.

 

 

Photo Credits: Eurocomgroup , Bergamopost

Share this...
Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someoneShare on LinkedInShare on TumblrShare on Google+Print this pageShare on Reddit

Commenti

commenti

Enza Gargiulo

Enza Gargiulo

Sono Maria Vincenza, per gli amici Enza, laureata in Scienze e Tecnologie Alimentari. Allergica a tutto (o quasi) quello che madre natura ha creato, amo molto stare in cucina e provare e riprovare tutte le ricette che mi vengono in mente. Inguaribile ottimista, cerco di prendere sempre il buono da ogni situazione e di restare allegra il più possibile nel corso delle giornate. E se la sera mi sento stanca, una buona compagnia e un bel bicchiere di vino mi rimettono in forze e sono sempre pronta a far festa!