Cibi che… migliorano il sorriso

Cibi che… migliorano il sorriso

Il sorriso rappresenta uno dei più potenti strumenti di comunicazione e interazione sociale: con il sorriso ci presentiamo agli altri (rivelando alcune sfaccettature del nostro temperamento), ma possiamo anche rassicurare un amico, trasmettere fiducia a chi ci sta intorno, essere solidali con chi ha bisogno.

Un bel sorriso è certamente (e giustamente) un biglietto da visita molto ambito: è capace di renderci più sicuri e disinvolti (chi non vorrebbe denti bianchi, forti e regolari?), ma sa anche restituire un’immagine di cura, attenzione e benessere a chi entra in contatto con noi.

La salute del cavo orale è imprescindibile da una dieta equilibrata: è risaputo, infatti, che un consumo inappropriato di zuccheri può portare a carie, così come un’alimentazione monotona può esporre a carenze che indeboliscono la struttura dei denti e delle gengive.

Per prenderci cura del nostro sorriso, oltre a seguire una scrupolosa igiene e recarci periodicamente dal dentista, abbiamo il dovere di selezionare con cura gli alimenti con cui imbandiamo la nostra tavola.

In particolare, non dovremmo lasciarci sfuggire alcuni cibi che, per le loro caratteristiche, possono migliorare l’aspetto, l’integrità e l’efficienza delle nostre strutture dentali: una dieta sana ci permette di sfoggiare con orgoglio un sorriso a 32 denti!

 

Mele: la peculiarità delle mele è la loro consistenza croccante e compatta, che agisce sui denti proprio come le setole di uno spazzolino. Decisamente il frutto perfetto per pulire il cavo orale! Masticare una mela a fine pasto aiuta a eliminare i residui di cibo e i batteri depositati sullo smalto; per di più, dona freschezza alla bocca, combattendo la temibile alitosi.

 

Una mela al giorno toglie medico e carie di torno: questo frutto è un sicuro alleato del sorriso! Una mela al giorno toglie medico e carie di torno: questo frutto è un sicuro alleato del sorriso!

 

Sedano: questa verdura ha una consistenza particolarmente fibrosa che comporta una lunga masticazione. Ciò facilitata la produzione di saliva e, di conseguenza, la detersione accurata della superficie dentale. Inoltre, l’azione meccanica di sfregamento incentiva la circolazione sanguigna delle gengive, che – se ben irrorate – possono mantenersi toniche.

 

Cipolle: se è vero che le cipolle non ci danno una grossa mano per l’alito, d’altro lato svolgono un’azione antimicrobica da non sottovalutare, che permette di tenere a bada ospiti indesiderati e responsabili di diverse patologie della bocca. La proprietà antibatterica è mediata da composti a base di zolfo ed è massima per le cipolle crude: a patto di non avere impegni galanti, ben venga un’insalatona con la cipolla fresca!

 

Tè verde: nelle foglie non ossidate del tè verde si annidano ancora numerosi antiossidanti. L’azione di questi incredibili composti si esplica anche nella bocca: le catechine, in particolare, sono utili per il controllo delle infiammazioni gengivali. Attenzione comunque a non abusare di questa bevanda, in quanto ha il “vizio” di macchiare lo smalto.

 

Lo yogurt è un paladino del sorriso a tutte le età, a patto che sia naturale e senza zuccheri aggiunti!Lo yogurt è un paladino del sorriso a tutte le età, a patto che sia naturale e senza zuccheri aggiunti!

 

Yogurt: questo derivato fermentato del latte è rinomato per contenere batteri buoni, i cosiddetti fermenti lattici. Oltre ad essere un toccasana per l’intestino, i probiotici dello yogurt si contendono il potere con i microbi nocivi anche a livello del cavo orale, proteggendo il nostro sorriso dallo sviluppo di placca e carie. Come se non bastasse, lo yogurt fornisce al nostro corpo minerali preziosi per la formazione di strutture ossee solide, in primis calcio e fosforo, e schiera in campo anche la vitamina D, indispensabile per un corretto assorbimento del calcio.

 

Kiwi: questi frutti sono un vero concentrato di vitamina C, indispensabile per l’integrità del collagene. Senza collagene, i denti perdono sostegno, le gengive tendono a ritrarsi, a diventare più sensibili e suscettibili a sanguinamento.

 

 

Photo Credits: SplendidtableCucinanaturale

Share this...
Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someoneShare on LinkedInShare on TumblrShare on Google+Print this pageShare on Reddit

Commenti

commenti

Enza Gargiulo

Enza Gargiulo

Sono Maria Vincenza, per gli amici Enza, laureata in Scienze e Tecnologie Alimentari. Allergica a tutto (o quasi) quello che madre natura ha creato, amo molto stare in cucina e provare e riprovare tutte le ricette che mi vengono in mente. Inguaribile ottimista, cerco di prendere sempre il buono da ogni situazione e di restare allegra il più possibile nel corso delle giornate. E se la sera mi sento stanca, una buona compagnia e un bel bicchiere di vino mi rimettono in forze e sono sempre pronta a far festa!