Le spezie che non possono mancare nella tua cucina #2

Le spezie che non possono mancare nella tua cucina #2

Torniamo a parlare di spezie che non possono mancare in cucina, amici! Dopo avervi presentato il “carozafferano, la “stupefacentenoce moscata, il “decisopepe nero, il “frescoanice e la “coloratacurcuma (ricordate? ne abbiamo parlato qui!), è arrivato il momento di ampliare le nostre conoscenze. Quali spezie impareremo a conoscere oggi?
 
Continuate a leggere per scoprirlo..
 

Chiodi di garofano

 
chiodo di garofano spezie


 
Sono i boccioli essiccati dei fiori dell’albero del garofano, utilizzati per la preparazione di vin brulè e dolci, per marinare la carne e per arricchire infusi e té. È possibile usarli anche per rallentare il processo di invecchiamento dei cibi: sono in grado, infatti, di ostacolare il processo di ossidazione dei lipidi, responsabili del deperimento degli alimenti. Hanno proprietà antinfiammatorie, grazie al grande contenuto di flavonoidi, aiutano la digestione ed a guarire da infezioni e ustioni.
Lo sapevi che.. nella corte cinese, cortigiani e ufficiali avevano l’obbligo di tenere in bocca questi boccioli per profumare l’alito quando si rivolgevano all’imperatore!
 

Coriandolo

 
coriandolo spezie
 
Il coriandolo è una spezia proveniente dal Mediterraneo orientale, conosciuto anche come prezzemolo cinese. Usato nella cucina indiana ed in quella latino americana, ha frutti dal sapore agrumato, perfetti per la realizzazione di zuppe e salse. Il coriandolo fresco o in granelli è utilizzato anche nella preparazione di carne, insalate o come condimento delle verdure, ed è un efficace aiuto contro inappetenza e gonfiori, aiutando il sistema digestivo.
Perché si chiama coriandolo? Nel Rinascimento si usava festeggiare il carnevale lanciando confetti realizzati con semi di coriandolo glassati con lo zucchero. Con il passare dei secoli questi dolcetti si sono trasformati, diventando i foglietti di carta (coriandoli) che conosciamo noi ora.
 

Cannella

 
cannella spezie
 
La cannella è la corteccia odorifera di un arbusto presente in Cina, India e Madagascar. Viene utilizzato per insaporire dolci e bevande come brulè, cioccolata e punch; nella preparazione di carne, di composte di frutta e di riso. Il principio attivo di questa spezia è la cinnamaldeide, sostanza contenuta nella corteccia dei rami più giovani della pianta, capace di migliorare le difese immunitarie, ridurre gli zuccheri nel sangue (ecco perché è ideale per la preparazione di dolci) e facilitare la digestione.
 

Paprika

 
paprika spezie
 
La paprika si ottiene grazie l’essiccazione di una particolare varietà di peperone definita ungherese (i primi ad introdurli in Europa dalla Turchia). È una spezia dal gusto un poco amaro e piccante, utilizzata nella preparazione di tantissimi alimenti, oltre ad essere l’ingrediente principale del gulasch o combinata, molto spesso, ad altre spezie. È un buon antisettico, disinfettante e tonico in grado di facilitare la digestione.
 

Zenzero

 
zenzero spezie
 
Lo zenzero è una spezia dell’intenso profumo di limone, coltivata da più di 3000 anni nelle zone tropicali di Asia, America e Africa. È utilizzato nella preparazione di piatti dolci e salati o bevande come birre e ginger ale. Oltre ad essere un ingrediente fondamentale per il curry, è utilizzato nella preparazione di dolci (pan di zenzero) o in aggiunta a tisane e insalate. Ha buone proprietà emmenagoghe, toniche, analgesiche, riscaldanti e stomachiche, frena la nausea ed aiuta in casi di digestione difficile.

 

Utilizzate anche voi queste spezie? Quali preferite? Fateci sapere!

 

PhotoCredits: DgMag ; SavorySpiceShop ; Meno18 ; CucinaMessicana ; GeniusWellness ; cannamela

Fonti: vegolosi; tisane bonomelli ; cannamela ;  finedininglovers ; elicrisio

Share this...
Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someoneShare on LinkedInShare on TumblrShare on Google+Print this pageShare on Reddit

Commenti

commenti

Enza Gargiulo

Enza Gargiulo

Sono Maria Vincenza, per gli amici Enza, laureata in Scienze e Tecnologie Alimentari. Allergica a tutto (o quasi) quello che madre natura ha creato, amo molto stare in cucina e provare e riprovare tutte le ricette che mi vengono in mente. Inguaribile ottimista, cerco di prendere sempre il buono da ogni situazione e di restare allegra il più possibile nel corso delle giornate. E se la sera mi sento stanca, una buona compagnia e un bel bicchiere di vino mi rimettono in forze e sono sempre pronta a far festa!