Pane raffermo: come riutilizzarlo?

Pane raffermo: come riutilizzarlo?

Il pane avanzato e ormai raffermo, pur rimanendo un alimento, può assumere anche il ruolo di ingrediente: diventando la base di gustosi crostini da servire con una zuppa o, magari, con una misticanza di verdure fresche. Può essere, inoltre, rielaborato e quindi grattugiato o spezzattato, diventando protagonista di ricette creative ed interessanti.
 
Per abbattere gli sprechi in cucina e nutrirci in modo sano e creativo, scopriamo insieme come dare nuova vita al pane secco!


 
pane raffermo

 

Pane raffermo: cosa apporta al nostro organismo?

 
Dal punto di vista nutrizionale il pane fresco o anche raffermo è una fonte principale di carboidrati: di questo andrà tenuto conto quando si mette in tavola una ricetta a base di pane. Per meglio chiarire questo punto è importante ricordare una semplice regola: 50 g di pane comune non condito “contano” per apporto di macronutrienti e calorie quanto 30 g di pasta.
 
Questa considerazione è alla base del consapevole consumo di pane in tutti i pasti: con una porzione di pane posso sostituire parte di un primo, ma è altresì vero che in quantità più abbondante potrebbe proprio sostituire un piatto di pasta o riso.
Questo è quanto accade con le prime due ricette proposte per riutilizzare il pane raffermo: una porzione dell’insalata di pane o di focaccia ai pomodorini sostituiscono un piatto di pasta o riso. Nell’ultima ricetta, invece, il pane è l’ingrediente principale per un dolce ottimo per la prima colazione.
 

Come riutilizzare il pane raffermo?

 

Il “finto primo” al tonno, olive taggiasche e peperoni

 

Ingredienti per 4 persone

400 g pane
40 g olive taggiasche
160 g tonno al naturale
100 g mais dolce, in scatola, sgocciolato
300 g peperoni crudi gialli e rossi
2 cucchiai cipolle crude tagliate
100 ml di brodo vegetale
1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva

 
Preriscaldate il forno a 180°C e nel frattempo tagliate il pane a tocchetti e disponetelo in una teglia da forno. Cuocete il pane in forno caldo per 10 minuti circa, fino a che i crostini saranno ben dorati e croccanti. Lavate poi i peperoni e tagliateli a listarelle , quindi cuoceteli in una padella antiaderente per 10 minuti circa con la cipolla e l’olio extra vergine di oliva. Aggiungete il brodo vegetale poi mescolate e chiudete il coperchio. Sgocciolate, nel frattempo, tonno, mais e olive. Mescolate, quindi, i 3 ingredienti in una ciotola. Servite in un piatto da portata i crostini di pane tostati, i peperoni e il mix di olive, tonno e mais.

 

La focaccia di pane raffermo e pomodorini

 

Ingredienti per 4 persone

400 g di pane raffermo
200 g di pomodorini
1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva origano

 
Pre­riscaldate il forno a 200°C e nel frattempo spezzettate il pane e fatelo ammollare in una ciotola con acqua fredda per 20 minuti.
Strizzate il pane facendo attenzione a far perdere tutta l’acqua, poi distribuite il pane strizzato su una teglia da forno foderata con carta forno. Lavate i pomodorini, tagliateli a metà, quindi distribuiteli sulla superficie del pane steso.
Condite con origano e un cucchiaio di olio extra vergine di oliva, quindi fate cuocere in forno per circa 1 ora, fino a che la superficie sarà dorata. Servite caldo.

 

La torta di mele col pane avanzato

 

Ingredienti per un dolce da 12 porzioni

800 g di mele tagliate a fettine sottili
150 g di pane vecchio secco
100 g di zucchero di canna
40 g di burro
1 cucchiaio di latte
1 cucchiaino di cannella

 
Mettete le mele in una padella e aggiungete la metà dello zucchero e la cannella: fate cuocere le mele per 10 minuti, a coperchio chiuso. Nel frattempo grattugiate il pane. Quindi mettete il burro ed il latte in una padella e scaldate senza far friggere il burro. Unite il pane grattugiato e l’altra metà dello zucchero. Versate, in una teglia antiaderente, metà del composto di pane, quindi coprite con le mele cotte e stendete infine la restante metà dell’impasto. Cuocete in forno già caldo per circa 15­20 minuti.

 

PhotoCredits: nonsprecare ; drepubblica ;

Share this...
Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someoneShare on LinkedInShare on TumblrShare on Google+Print this pageShare on Reddit

Commenti

commenti

Francesca Antonucci

Francesca Antonucci

Farmacista e consulente nutrizionale appassionata di ricette, ingredienti e di Dieta Mediterranea, secondo il suo reale significato. Leggo e scrivo di cucina e nutrizione prima di tutto per passione per la salute e la prevenzione. Ed è proprio dalla passione che è nato Mistofrigo