Snack dolce: sai cosa mangi?

Snack dolce: sai cosa mangi?

Ed eccoci all’appuntamento con lo spuntino di metà mattina, che ogni volta ripropone lo stesso trito e ritrito problema: cosa mangiare? Quale cibo stuzzicante, ma allo stesso tempo nutriente, possiamo scegliere per soddisfare in modo appropriato la nostra golosità pre-prandiale?

Lo yogurt, come molti esperti consigliano, è un ottimo alimento per le nostre pause al lavoro o a scuola: è comodo da portare con sé, è una buona fonte di calcio per le ossa ed un valoroso alleato del nostro intestino, grazie ai fermenti lattici. Ma se desideriamo un prodotto genuino, dobbiamo assicurarci che non vi siano zuccheri aggiunti, coloranti o altri additivi, come gli addensanti.

L’ideale sarebbe scegliere uno yogurt bianco naturale ed eventualmente magro, se vogliamo anche tenere sotto controllo la quantità di grassi saturi della nostra dieta, o per precauzione o per effettiva necessità (ad esempio se abbiamo il colesterolo alto).

 

Snack dolce a base di yogurt e frutta secca

 

Scorrendo la lista dei prodotti in Edo, troviamo uno yogurt che ben si addice alle nostre esigenze: lo “Yogurt Biologico Bianco Magro Sterzing-Vipiteno“, che può vantare uno straordinario punteggio di 8,8 (*).

 

Yogurt

 

Come ogni vero yogurt che si rispetti, contiene solo latte e fermenti lattici:

 

Yogurt di latte magro* con fermenti lattici vivi: Streptococcus thermophilus e Lactobacillus bulgaricus. * da agricoltura biologica.

 

Con nostro compiacimento, possiamo vedere che lo yogurt è stato prodotto secondo i princìpi dell’allevamento biologico. E nella pagina dei Pro & contro, date le buone premesse, non possiamo che aspettarci risultati positivi: pochi grassi, poche calorie, presenza di calcio e fermenti probiotici.

Ma dobbiamo ammettere che lo yogurt bianco magro, di per sé, a molti fa torcere il naso: infatti, è più acidulo e meno cremoso dei prodotti dell’industria a cui siamo spesso abituati. Con qualche accorgimento, però, possiamo conciliare gusto e benessere.

Poiché il nostro vasetto di yogurt magro ci fornisce poche calorie, circa il 2,3% del fabbisogno energetico giornaliero (rispetto ad una dieta standard di 2000 kcal), così come pochissimi grassi (0,2% della quota lipidica che ci spetta ogni giorno), possiamo abbandonarci al piacere della frutta secca oleosa che, come noto, vanta proprietà estremamente benefiche per il nostro corpo.

Tra i numerosi candidati di categoria, ne scegliamo uno che soddisfi i nostri prerequisiti di essere senza additivi (anidride solforosa & co.) e senza grassi aggiunti: il “Misto Armonia Bio Noberasco“, con un punteggio di 6,5 (*).

 

Frutta secca

 

Facciamo sfilare gli ingredienti:

 

Anacardi pelati*, noci brasiliane sgusciate*, mandorle sgusciate*, noci sgusciate*. *biologico.

 

Anche in questo caso, per dovere morale di coerenza, abbiamo individuato un prodotto biologico. Nella schermata dedicata alle avvertenze, notiamo subito l’indicazione circa la presenza i molti grassi e molte calorie: eh già, nonostante le mille virtù protettive, il rovescio della medaglia è che la frutta secca apporta molta energia e molti grassi.

In questo caso, una porzione (30 g) copre ben il 27% dell’ammontare di lipidi che dovremmo assumere nell’arco della giornata. E’ vero che la maggior parte di questi grassi sono mono e polinsaturi, ma anche i saturi coprono la loro fetta di fabbisogno, in particolare il 12,5%. E le calorie sono ben 198, ovvero circa il 10% dell’energia totale quotidiana.

Per evitare di esagerare, potremmo dimezzare la porzione, introducendo 15 g di frutta secca (che comunque è sufficiente per il nostro vasetto di yogurt).

Proviamo a riepilogare il tutto?

Il nostro yogurt magro con una manciata da 15 g di frutta secca mista ci procura il 7,2% delle calorie totali giornaliere (dunque, siamo al di sopra della soglia percentuale raccomandata per ogni spuntino – 5% – solo di poco) e ci dona pochi zuccheri (il 10% circa della quota consigliata, anche se va ricordato che, secondo l’OMS, gli zuccheri naturalmente contenuti in frutta, latte e suoi derivati non vanno ad incidere negativamente sulla nostra salute come gli zuccheri aggiunti intenzionalmente ad altri cibi o bevande).

Complessivamente, i grassi di questa merenda contribuiscono ad apportare il 13,7% dei lipidi giornalieri, mentre i saturi rappresentano il 6,8% della quantità quotidiana ammissibile (una percentuale molto ragionevole). Riusciamo ad introdurre anche un po’ di fibre (4% del totale raccomandato) e pochissimo sodio.

Per chi desidera una merenda più “leggera”, una valida alternativa è rappresentata dalla frutta fresca di stagione: ottime sono ad esempio le ciliegie tagliate a pezzettini o le albicocche, che con la loro dolcezza ben si sposano con il sapore leggermente aspro dello yogurt naturale.

In ogni caso, possiamo dire che questa merenda ha superato la prova a pieni voti!

 

 

(*) punteggio calcolato sul fabbisogno di un uomo di 26 anni

Photo Credits: Glamour , Foodandwine , Doctorstoyou

Share this...
Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someoneShare on LinkedInShare on TumblrShare on Google+Print this pageShare on Reddit

Commenti

commenti

edo_admin

edo_admin

Edo è la prima app che ti dice esattamente cosa stai mangiando e ti guida verso una scelta alimentare sana e consapevole!