Snack dolci: sai davvero cosa mangi?

Snack dolci: sai davvero cosa mangi?

Gli snack dolci sono un piacere a cui gli italiani rinunciano a fatica: una volta combinati alla vivacità del gusto salato, pronunciare la parola “no”, diventa una prova davvero.. difficile da superare.
Ma a prescindere da quello che può essere il loro sapore invitante o il godimento derivante dal “leccarsi le dita”.. sapete davvero cosa state mangiando e quale effetto ha questo determinato alimento sul vostro corpo?
 
Per rispondere a questo quesito, abbiamo preso il nostro smartphone, cliccato sull’ampolla di Edo e scansionato il barcode di uno dei tanti prodotti di questo genere presenti sul mercato, i Fonzies Choco (sapete che potete farlo anche voi gratuitamente con IOS o ANDROID?).
Ecco cosa abbiamo scoperto…
 

Snack dolci: cosa contengono?

 

Cioccolato al latte 56.6% (zucchero, burro di cacao, latte scremato in polvere, pasta di cacao, siero di latte in polvere, grasso del latte, pasta di nocciole, emulsionanti (lecitine di soia), aroma (vanillina)), semola di mais 20,6%, oli vegetali di palma e di colza, fiocchi di caramello 5,9% (zucchero, sciroppo di glucosio, olio di girasole), formaggio fuso in polvere (da latte) 2%, siero di latte in polvere, agenti di rivestimento (gomma arabica, cera d’api), sale, aromi, lievito in polvere, estratto di lievito, esaltatori di sapidità (E621, E627, E631), aromatizzante di affumicatura (cos’è? clicca qui per scoprirlo!).

 

snack dolci

Ecco Edo, l’applicazione che ti dice cosa mangi: disponibile gratuitamente per IOS e Android

 
Come solito, alcuni ingredienti presentano problemi minori essendo generalmente conosciuti e decisamente poco controversi. Ma parlando di olio di palma, di colza o burro di cacao? Quale effetto ha questa combinazione sul nostro organismo? Ed i livelli di zucchero contenuto nello snack?
Chiediamolo ad Edo!
 
Molti zuccheri – la quantità di zuccheri presenti in questa tipologia di prodotto è decisamente alta. Gli zuccheri rappresentano per il nostro corpo una fonte immediatamente disponibile di energia, indispensabile, ad esempio, per il nostro cervello. L’eccesso, però, non è sicuramente privo di conseguenze: aumentano infatti la glicemia, il rischio di obesità o quello di diabete, solo per farvi alcuni esempi.
Superare le quantità giornaliere consigliate è molto più semplice di quanto possiamo pensare: lo zucchero è presente nel caffè che beviamo al mattino, nei dolci o in alimenti insospettabili come i salumi, ad esempio. Porre attenzione alle etichette, quindi, è necessario!
 
Aromi – Generalmente con l’ingrediente “aroma” si intendono sostanze prodotte in laboratorio identiche a quelle che si possono trovare in natura ma meno costose da recuperare. Ma qual è la qualità effettiva di un alimento a cui occorre aggiungere un aroma per esaltare (o dare) sapore? A voi la risposta..
 
Olio e grasso di palma – come vi abbiamo raccontato anche qui, l’olio di palma è uno degli oli vegetali più economici ed utilizzati dall’industria alimentare. La sua ricchezza in acidi grassi saturi, però, lo rende controverso: abusare di quest’olio (e, data la sua diffusione, non è un’ipotesi davvero remota), può far aumentare il rischio di alcune patologie, in particolare quelle legate all’apparato cardiovascolare.
 
Burro di Cacao – è un grasso estratto dai semi di cacao, utilizzato dall’industria alimentare principalmente per la produzione di cioccolato (come in questo caso). È molto stabile, grazie agli antiossidanti contenuti che lo proteggono dall’irrancidimento: è formato in prevalenza, però, da acidi grassi saturi (che vanno ad aggiungersi a quelli dell’olio di palma..).
 

snack dolciNella foto: olio di colza.

 
Olio di Colza – è estratto dai semi della colza ed utilizzato sia nelle preparazioni alimentari, ma anche per la produzione di biodiesel. È composto in prevalenza da acido oleico, come l’olio di oliva, e presenta anche una buona quantità di acidi grassi polinsaturi. Il suo problema, però, è la presenza di importanti quantità di acido euricico, acido grasso a cui sono state attribuite attività cardiotossiche. Proprio per questo vi sconsigliamo gli alimenti che lo contengono!
 
La combinazione di olio di palma, burro di cacao, grasso del latte, olio di colza, e olio di girasole, alza il livello di acidi grassi presenti nel prodotto. É vero che i grassi sono un’ottima fonte di energia di riserva: aiutano l’assorbimento di alcune vitamine e permettono di costruire molecole fondamentali per il nostro corpo (ormoni). Ma, a causa del loro alto apporto calorico e della loro tendenza ad essere conservati nel tempo, è importante limitarne il consumo: sono, infatti, tra i maggiori responsabili dell’aumento di peso e possono portare alla formazione di alcune patologie legate all’apparato circolatorio!
 
E’ un prodotto, inoltre, molto ricco in calorie. Ricordiamo che per “caloria” intendiamo l’energia contenuta in un alimento: considerando che non esiste attività umana che non necessiti di energia, sono totalmente necessarie. Ma tutti gli alimenti (esclusa la sola acqua) contengono calorie: assumerne troppe non è un’ipotesi così remota (così come l’aumento del rischio di malattie importanti come obesità).
 
snack dolci
 
Gli snack sono alimenti nati per placare i morsi della fame tra un pasto e l’altro, in modo leggero e gustoso. Grazie ad Edo, però, notiamo che la leggerezza è ormai totalmente scomparsa lasciando spazio alla pesantezza del grasso ed al gusto acceso dato da aromi ed esaltatori di sapidità.

Un consiglio? Cerchiamo di privilegiare alimenti con un più basso contenuto di grassi: volendo essere virtuosi, invece, potremmo optare per un frutto, la scelta sicuramente migliore e più salutare (il gusto può passare anche in secondo piano).
 

 

PhotoCredits: Oliodicolza ; TheKateWay

Share this...
Share on FacebookTweet about this on TwitterPin on PinterestEmail this to someoneShare on LinkedInShare on TumblrShare on Google+Print this pageShare on Reddit

Commenti

commenti

Enza Gargiulo

Enza Gargiulo

Sono Maria Vincenza, per gli amici Enza, laureata in Scienze e Tecnologie Alimentari. Allergica a tutto (o quasi) quello che madre natura ha creato, amo molto stare in cucina e provare e riprovare tutte le ricette che mi vengono in mente. Inguaribile ottimista, cerco di prendere sempre il buono da ogni situazione e di restare allegra il più possibile nel corso delle giornate. E se la sera mi sento stanca, una buona compagnia e un bel bicchiere di vino mi rimettono in forze e sono sempre pronta a far festa!